Bitcoin e criptovalute, nuovo attacco hacker

Proseguono gli attacchi informatici agli eWallet dedicati ai Bitcoin e alle principali criptovalute. Venerdì scorso in Giappone è stata colpita la piattaforma di scambio Coincheck, derubata di 58 miliardi di yen (530 milioni di dollari) in “NEM”, la decima criptovaluta per capitalizzazione di mercato al mondo. È uno dei più grandi furti di sempre.

Criptovalute, Nem crolla

Un nuovo attacco è avvenuto nella giornata di venerdì in Giappone alla piattaforma Coincheck, una delle più importanti in Asia. I tecnici del portale hanno rilevato un accesso non autorizzato al sistema.

La società comunque ha annunciato che rimborserà i 260mila clienti che hanno perso quanto investito in “NEM”, la decima più importante criptovaluta per capitalizzazione di mercato in base ai dati pubblicati su “CoinMarketCap”. Una notizia che lo scorso week end ha comportato un crollo di circa il 20 per cento di valore della stessa moneta digitale, un calo poi proseguito anche in questo inizio settimana di circa sette punti percentuali.

Il NEM è una criptovaluta molto popolare in Giappone. Lo stesso Bitcoin ha registrato un contraccolpo ed ha perso circa il 5 per cento del suo valore a seguito della notizia del furto informatico.

Un nuova attacco dopo i casi rilevati nelle ultime settimane che hanno colpito le piattaforme di scambio YouBit, Nicehash e Bitfixnet, con decine di milioni di dollari sottratti in Bitcoin.

Secondo gli esperti, i sistemi di sicurezza di queste piattaforme non sono ancora in grado di sostenere e fronteggiare le azioni criminose dei pirati informatici.

I vertici di Coincheck hanno comunque reso noto di essere a conoscenza dove sono stati inviati i fondi e di aver messo in atto tutte le azioni possibili per recuperarli.

NEM caratteristiche

NEM è una criptovaluta nata nel 2015 ed ideata in Giappone, paese in cui si registra la maggiore diffusione. Sfrutta il linguaggio in Java.

Come per il bitcoin può essere minata, anche se per il NEM più correttamente si utilizza il termine “Harvest” (raccogliere).

Gli esperti considerano questa valuta particolarmente interessante soprattutto perché il prezzo presenta un controllo più stabile rispetto al Bitcoin. Per acquistarla è necessario aprire un conto su un eWallet.

Malgrado i forti ribassi registrati nel corso delle ultime ore a seguito dell’attacco informatico, la performance del NEM ad 1 mese è ancora in territorio positivo di quasi 5 punti mentre nei 3 mesi registra un progresso di ben il 361 per cento.

Nessun commento.

Partecipa con un commento