HomeForexIl Dollaro crolla ad un ritmo storico: mai così da 7 anni

Il Dollaro crolla ad un ritmo storico: mai così da 7 anni

indice-dollaro-bloomberg

Sicuramente chi sta detenendo dollari nel mercato Over-The-Counter più famoso al mondo, il nostro preferito, ovvero quello del Forex, si starà mangiando le mani perché non si sarebbe mai aspettato che il Dollaro si sarebbe ritrovato a rimanere ancorato ai minimi degli ultimi mesi, e ad affrontare una discesa che non si vedeva da 7 anni ormai.

Dati alla mano infatti, il Dollaro USA è crollato ad un minimo degli ultimi otto mesi, mentre il petrolio ha toccato i 40 dollari al barile per la prima volta in 3 mesi, e il DOW Jones Industrial Average ha recuperato tutte le perdite per l’anno in corso, in quanto la Federal Reserve ha modificato il percorso per l’innalzamento dei tassi, aumentando quindi la domanda per investimenti ben più rischiosi.

Secondo l’indice del Dollaro di Bloomberg, la valuta è crollata di oltre il 2% da quando la Federal Reserve ha deciso durante la giornata di mercoledì di rivedere le modalità e le tempistiche in cui i tassi USA verranno innalzati di nuovo.

Le Materie Prime prezzate in dollari sono ovviamente schizzate verso l’alto, l’S&P500 ha recuperato tutto il terreno perso.

Le azioni da parte delle varie Banche Centrali, atte a stimolare la crescita, hanno dato il via ufficiale a un rimbalzo degli asset più rischiosi, a partire dall’azionario fino alle materie prime, dopo circa 9 trilioni di perdite nei mercati globali da inizio 2016. E’ tornata quindi la fiducia, e il mercato ha iniziato a respirare di nuovo.

La Norvegia ha tagliato i tassi durante la giornata di giovedì, come la BCE, e il Giappone. La Svizzera e UK hanno preferito mantenere i tassi inalterati.

È sicuramente tornato il momento in cui i soldi si fanno in maniera molto facile. L’annuncio della Federal Reserve è stato un forte segnale del fatto che le banche centrali continueranno a stampare, e questa sta portando non poca pressione al ribasso per il dollaro, favorendo le materie prime.

Sicuramente sarà un momento molto importante per fare trading sul dollaro, anche in questo periodo di crisi. Infatti, le probabilità di un rialzo potrebbero sembrare scontate, ma il fatto che la Fed abbia completamente stravolto i piani di rialzo dei tassi, ha cambiato la visione sul “greenback” per quanto concerne il lungo termine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

Da leggere

Professione Forex: come iniziare ad operare sul mercato delle valute

0
Professione Forex, un obiettivo che si pongono coloro che hanno già iniziato a interessarsi all’investimento nel mercato valutario e stanno pensando di trasformarlo in...