Cambio euro dollaro a 1,20 entro fine anno?

Il dollaro si è rafforzato nelle ultime settimane dal livello EUR-USD 1,18 in cui era lo scorso mese. Si crede che questa tendenza si consoliderà nei prossimi mesi. Intanto, ciò ha portato a modificare la stima di fine anno del Dollaro in Euro da 1,17 / 1,27 a 1,14 / 1,22.

Nel frattempo, il Presidente della Fed, Jerome Powell, ha confermato quanto già annunciato il mese scorso, ribadendo la sua intenzione di arrestare almeno per il momento il ciclo di rialzo dei tassi di interesse.

Tale decisione ha avuto un impatto sul cambio euro dollaro, che è tornato a scambiare in rialzo grazie alla debolezza del biglietto verde.

Scopriamo in questa guida tutti i dettagli e le previsioni del cambio euro dollaro a 1,20 entro fine anno 2019. Ecco le cause e gli eventi macroeconomici che impattano maggiormente sul cambio.
#1. Turbolenza politica in Europa

L’Italia ha formato un governo di coalizione con pregiudizi populisti. In Germania, le discrepanze sulla questione della migrazione potrebbero minacciare la stabilità del governo tedesco.

Broker per fare trading su Euro – Dollaro

BROKERCARATTERISTICHEVANTAGGIISCRIZIONE
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
plus500Servizio CFDDemoISCRIVITI >>
24optionSpread bassi, CFDSegnali di tradingISCRIVITI >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsISCRIVITI >>
marketsServizio CFD.
Rischi CFD. Il 73% dei trader perde denaro.
Trading BlendsISCRIVITI >>
Xm.com25€ Bonus senza depositoConti Zero spread!ISCRIVITI >>


#2. Revisione al rialzo della crescita negli Stati Uniti e giù nell’UEM

Per gli Stati Uniti si stima una crescita del PIL per il 2018 del + 2,9% rispetto al + 2,6% ant. e per il 2019 di + 2,5% vs + 2,3% ant. Tuttavia, le stime di crescita per l’Eurozona sono state riviste al ribasso: + 2,1% per il 2018 (vs + 2,5% ant.) e + 1,9% per il 2019 (vs + 2,1% ant).

Il ritmo di crescita negli Stati Uniti si è accelerato, l’inflazione si avvicina all’obiettivo della Fed (2,0%) e il mercato del lavoro si sta avvicinando alla piena occupazione (tasso di disoccupazione del 3,5%).

In questo contesto, la Fed anticipa quattro aumenti dei tassi fino al range del 2,25% – 2,50%. contro tre in precedenza.

Guardando al 2019 stimiamo altri due nuovi aumenti, che collocherebbero il regista nella fascia del 2,75% – 3,0% entro la fine dell’anno.

La Banca Centrale Europea (BCE) chiarisce che non prevede aumenti dei tassi di interesse almeno fino all’estate del 2019.

La capacità inutilizzata è ancora elevata (disoccupazione dell’8,5%) e l’inflazione (core CPI 1,0%) è lontana dal suo obiettivo (vicino ma inferiore al 2,0%).

La politica monetaria della BCE rimane “accomodante”. Nel 2019, il dollaro potrebbe essere un po’ più debole. La riforma fiscale Trump farà causare un aumento nel deficit pubblico e un aumento del debito pubblico.

Questo squilibrio di bilancio potrebbe penalizzare il dollaro, pertanto manteniamo il range stimato per il 2019 a $ 1,20 / $ 1,30.

L’euro/dollaro dovrebbe superare 1,20: l’aumento può causare un massiccio calo dei profitti aziendali in Europa, in gran parte derivati da vendite effettuate all’estero.

L’effetto dell’euro forte è di solito un ritardo di alcuni mesi tra i movimenti delle valute e i risultati delle vendite, tempo sufficiente perché l’euro abbia un impatto più forte sui conti delle imprese.

I timori della Banca Centrale europea possono diventare realtà.
Un apprezzamento dell’euro potrebbe nuovamente portare lo spettro della deflazione nella zona euro se questa tendenza rialzista continua e rafforzare ulteriormente l’euro nei confronti del dollaro USA.

Pertanto, Mario Draghi, dovrebbe iniziare a pensare a un nuovo piano d’azione e avviarlo il prima possibile.

Una parte di un euro apprezzato rispetto al dollaro insieme alla volatilità delle materie prime sta allontanando la zona euro dai suoi obiettivi di prezzo.

L’inflazione che a maggio era dell’1,4% nel mese di giugno fino all’1,3%. Un euro forte rende le importazioni meno costose, cosa che preme l’inflazione.

Dato che i prezzi si allontanano dalla crescita e una politica meno espansiva da parte della Banca centrale europea potrebbe aiutare maggiormente l’aumento dell’euro, interrompendo gli sforzi della BCE per portare i prezzi verso l’obiettivo, il 2 per cento è la crescita dei prezzi più favorevole a tutte le economie in Europa.

Le esportazioni e l’euro più forte sono un ostacolo alla competitività. Più forte è l’euro, più costosi saranno i costi sostenuti dai consumatori per acquistare i beni, che potrebbero peggiorare la nostra bilancia commerciale e danneggiare le società esportatrici.

Dall’altra parte della medaglia, un euro rivalutato va a beneficio delle società che importano materie prime dagli Stati Uniti, dove si sono verificate anche significative svalutazioni valutarie.

In ogni caso, la situazione giova agli europei che viaggiano in altri paesi al di fuori della comunità, dal momento che il loro potere d’acquisto aumenta.

Cambio euro dollaro: cosa ha detto il presidente Jerome Powell

Jerome Powell ha ribadito che la sua Federal Reserve adotterà d’ora in poi un atteggiamento più cauto, soprattutto per quel che riguarda i tassi di interesse.

Prima di tornare ad alzare il costo del denaro la Fed dovrà analizzare l’attuale rallentamento che ha colpito l’economia mondiale e le turbolenze sul mercato finanziario domestico.

Grazie alla frenata del dollaro, il cambio Euro Dollaro ha intrapreso la strada verso il rialzo.

Inoltre, parte del mercato è ancora ottimista e crede che il rimbalzo potrebbe nascondersi dietro l’angolo: si prevede l’EURUSD a quota 1,20 entro la fine del 2019.

Nessun commento.

Partecipa con un commento