Forex: Euro ai minimi da agosto 2018


La moneta unica scende ai minimi da agosto. A influenzare negativamente i prezzi dell’euro sui mercati forex, i timori per la politica economica del governo italiano, il consolidamento del dollaro ed il recente taglio delle stime sulla crescita globale da parte del Fondo Monetario Internazionale.

Euro debole, preoccupa sconto Italia-Ue

L’euro in calo sui mercati valutari. La moneta unica scambiata ai minimi dal mese di agosto. I motivi dei nuovi ribassi sono da ricercarsi nelle preoccupazioni per la politica economica e fiscale dell’Italia, oltre che dal nuovo apprezzamento del dollaro.

Il cambio EUR/USD ha toccato nella giornata di ieri il minimo da fine agosto a quota 1,1445.


A influenzare l’andamento della coppia valutaria, il contrasto tra Bruxelles e Roma con riguardo alla politica economica che intende adottare il nostro paese.

Nel dettaglio, il governo giallo-verde e la Commissione Europea non hanno la stessa visione sul piano di deficit sul bilancio per il prossimo triennio. L’Ue ritiene che i numeri presentati dall’Italia andranno ad impattare negativamente su debito e deficit, considerati eccessivi.

La frizione fra le due parti ha provocato nelle scorse ore la crescita di rendimento dei bond italiani. I leader dei due partiti di governo hanno però confermato di voler andare avanti secondo i piani di spesa programmati per il 2019.

A far perdere terreno alle quotazioni della moneta unica anche la maggiore richiesta di dollari, coadiuvata dall’aumento del rendimento dei Buoni del Tesoro americani scambiati su nuovi massimi da sette anni.

Positivo l’indice del dollaro, in rialzo dello 0,3 per cento a 95,71, molto vicino ai picchi registrati in agosto.

FMI taglie previsioni crescita globale

Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime sulla crescita globale, sottolineando che gli scontri commerciali in atto stanno impattando negativamente l’economia mondiale.Un taglio sulle previsioni che riguarda praticamente tutte le principali aree, fra cui Usa, Europa e Cina. L’abbassamento è stato al 3,7 per cento per il biennio 2018-2019 a fronte del 3,9 per cento indicato nella precedente rilevazione.

Tornando alle quotazioni sui mercati valutari, da registrare il marcato calo dell’euro nei confronti dello yen, con la coppia EUR/JPY ai minimi da un mese a 129,57.

Al momento la coppia EUR/USD è scambiata in rialzo dello 0,15 per cento a 1,1511. Flessione invece per il rapporto EUR/GBP in ribasso dello 0,40 per cento a 0,8743.

Nessun commento.

Partecipa con un commento