Forex: Dollaro, tensione sui mercati


Il dollaro si rafforza contro il paniere delle principali valute, dopo essere andato sotto pressione a seguito delle indiscrezioni sulla politica commerciale degli Stati Uniti e dell’annuncio del calo di rendimento a lungo termine dei Buoni del Tesoro americani.

Dollaro, prove di consolidamento

Il Dollaro torna a risalire dopo che che si era diffuso un sentiment negativo sui mercati per l’acuirsi dei timori commerciali.L’indice del dollaro USA che va a replicare l’andamento del biglietto verde nei confronti di un paniere che comprende le sei principali valute, è salito dello 0,31 per cento a 94,24 dopo il calo registrato nei giorni precedenti.

La debolezza del biglietto verde nelle ultime ore è dipesa da diversi fattori, ad iniziare dall’annuncio della flessione del rendimento dei Buoni del Tesoro americani a lungo termine.

Il clima sui mercati era tornato a farsi nervoso ma successivamente le dichiarazioni di Peter Navarro, consigliere della Casa Bianca, hanno fatto tornare la calma, contribuendo a sminuire le preoccupazioni degli investitori con riguardo alla politica commerciale degli Stati Uniti.Lo stesso Navarro ha commentato che le strategie per impedire alle società cinesi di investire nelle aziende americane, non produrranno effetti dannosi per l’economia del paese come invece previsto da alcuni analisti.Sono attese entro i prossimi giorni le restrizioni che saranno imposte dal Dipartimento per il Tesoro americano nei confronti degli investimenti delle compagnie cinesi negli Stati Uniti.

Una parte degli esperti ritiene comunque che il piano voluto dalla Casa Bianca influirà negativamente sul conflitto commerciale già in atto tra i due paesi.Tra le altre questioni che hanno influenzato le quotazioni del dollaro, oltre agli attriti commerciali tra Washington e Pechino, le ultime dichiarazioni dello stesso Presidente USA Donald Trump che ha attaccato l’Unione Europea, insidiando la possibilità di imporre dazi sulle importazioni di auto.

Dollaro quotazioni

Contrasti su scala globale che stanno causando una serie di oscillazioni delle quotazioni delle principali valute sui mercati forex. Il dollaro è in calo verso lo yen, con la coppia USD/JPY scambiata a 109.70. La valuta nipponica è da sempre considerata una valuta rifugio su cui investire in periodi di agitazione sui mercati.

In ribasso anche il cambio EUR/USD dello 0,37 per cento a 1.1658, dopo essersi riportato nelle ore precedenti anche sopra quota 1.17. Giù anche il cambio GBP/USD, dello 0,34 per cento a 1.32, a seguito dell’ampliarsi di timori di una ulteriore frenata dell’economia nel Regno Unito.

Nessun commento.

Partecipa con un commento