HomeMercatiHSBC afferma che la Gran Bretagna ha dei problemi economici

HSBC afferma che la Gran Bretagna ha dei problemi economici

banca-hsbc

In una serie di ricerche redatte dalla banca HSBC, sono stati stilati i punti dove la Gran Bretagna ha più da lavorare in questi anni, sono principalmente tre i punti: le Finanze Pubbliche, il Bilancio, e la produttività (la quale è alquanto sotto le aspettative).

Anche se c’è stato un significativo rimbalzo nell’economia dello UK, questo è il “trio di sfide economiche strutturali che deve essere rispettato per assicurare una prosperità a lungo termine,” la banca d’Investimento HSBC ha affermato nelle sue note.

Nella prima nota, uno dei dirigenti di HSBC UK, Simon Wells, espone la situazione riguardante il bilancio in Gran Bretagna, per far chiarezza sul fatto che il paese stia prestando e prendendo in prestito dalle altre nazioni. La Gran Bretagna sta prendendo in prestito nettamente dagli altri paesi.

Un grafico a lungo termine mostra quanto grave sia la situazione del bilancio attuale per quanto riguarda la Gran Bretagna. Il bilancio della Gran Bretagna è stato in negativo per gli ultimi 3 anni, ma non è mai stato grave quanto adesso.

L’attuale deficit ha raggiunto nel 2014 dei minimi storici che erano stati toccato soltanto nel periodo del dopoguerra.

Nel 1950 il deficit aveva raggiunto valori molto bassi, come ad esempio il 2. Poi nei 20 ani successivi si era stabilizzato, oscillando tra i livelli di -1 e +1. Poi nel 1970 il bilancio fu in grado di raggiungere dei massimi di +2% nel 1970. Ma già dal 1975 le cose non vanno poi così tanto bene, in quanto il deficit raggiunge dei livelli allarmanti: -4%. Poi negli anni 80, il deficit torna in positivo, ma per poco. In quanto nel 1990 si tocca oltre -4%. Dal 1990 in poi il bilancio sarà sempre negativo, e vedrà un bruttissimo movimento ribassista dal 2000 in poi.

Nel 2014, il bilancio è stato 5.5% del PIL. Questo ha eclissato il record precedente che era stato fissato al 4.3% nel 1989. In quegli anni, moltissimi analisi avevano pensato (male) che il deficit non era in realtà un problema, in quanto era il settore privato e non il governo a prendere in presto dall’estero.

Era pensiero comune che il deficit rifletteva i flussi in entrata di capitale, in quanto gli investitori stranieri compravano in quello che era chiamato il “miracolo economico” della Gran Bretagna.

In realtà non era propriamente un miracolo economico, in quanto le famiglie inglesi stavano succhiando volumi insostenibili di importazioni come parte di un credito, e i prezzi delle case hanno dato vita ad un boom economico, che poi si è trasformato in recessione, e adesso in un deficit che fa paura.

La questione adesso è questa, se i creditori internazionali continueranno e pompare grosse quantità di denaro in UK, non ci sarà alcun problema. Se all’improvviso, questi creditori non saranno più interessati alla Gran Bretagna (problemi che potrebbero con, ad esempio, il referendum per uscire dall’EU) potrebbero arrivare i primi problemi seri oltre la manica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Consigliati

Da leggere

Professione Forex: come iniziare ad operare sul mercato delle valute

0
Professione Forex, un obiettivo che si pongono coloro che hanno già iniziato a interessarsi all’investimento nel mercato valutario e stanno pensando di trasformarlo in...